Erezioni spontanee deboli


erezioni spontanee deboli

Altre cause di disfunzione erettile o erezione debole possono essere anche malattie croniche, determinati tipi erezioni spontanee deboli farmaci e una condizione chiamata malattia di La Peyronie presenza di tessuto cicatriziale nel pene.

Episodi sporadici di disfunzione erettile meno di 1 ogni 5 rapporti possono essere causati inoltre da alcool, abuso di sostanze o stanchezza, ma non devono essere motivo di preoccupazione.

erezioni spontanee deboli

In base a quanto appena descritto, appare chiaro che occorre innanzitutto determinare la severità della patologia. Se ha avuto episodi di disfunzione erettile, dovrebbe iniziare col porsi le seguenti domande: Ha consumato una quantità eccessiva erezioni spontanee deboli alcool o altri narcotici?

Si è sentito, per qualsiasi motivo, più stressato del solito prima del rapporto?

erezioni spontanee deboli

Era molto stanco? Legga le testimonianze dei pazienti Sono affetto da disfunzione erettile.

erezioni spontanee deboli

Cosa posso fare? Se risulta essere affetto da disfunzione erettile, le consigliamo di prenotare una visita con uno dei nostri medici altamente specializzati.

erezioni spontanee deboli

Il primo passo verso un trattamento efficace è, infatti, una corretta diagnosi e l'identificazione delle cause alla base del problema. Oltre questo, i nostri medici avranno due obiettivi:: Impostare una terapia che le permetterà di ottenere erezioni più vigorose per continuare ad avere una normale attività sessuale; Scegliere trattamenti che correggano le diverse cause alla base della disfunzione erettile, offrendo trattamenti altamente personalizzati.

erezioni spontanee deboli

Siamo in grado di ottenere questo obiettivo grazie all'esperienza dei nostri medici, che hanno trattato oltre Purtroppo, la maggior parte dei medici si limita a prescrivere farmaci, spesso senza identificare e trattare le cause alla base del disturbo, creando una dipendenza da farmaci e determinando in molti casi l'insuccesso della terapia e l'insoddisfazione del paziente.